Diversamente abili: dal bidone alla vetrina

IMG_8316Il progetto, finanziato dal Comune di Prato e realizzato in collaborazione con la Cooperativa Sociale “New Naif” (che ha già attivi dei laboratori manuali), ha come obiettivo quello di sviluppare e potenziare le capacità relazionali di persone con disabilità medio-gravi e di aumentare sensibilmente la loro autostima.
Il gruppo di “artisti” è stato coinvolto nel reinventare oggetti di arredamento, che altrimenti sarebbero destinati alla discarica, dandogli nuova forma e/o funzione. Così l’oggetto “comune” diventa massima espressione di una forma artistica “fuori dal comune”, permettendo all’artista diversamente abile di condividere le sue emozioni sensoriali e fisiche con le persone che partecipano al progetto.

Il progetto è servito a creare “un contenitore aperto” in grado di potenziare le proprie e altrui capacità attraverso il linguaggio dell’arte. Sperimentando questo percorso, si analizzano, si scoprono, si approfondiscono le nostre emozioni.
Ogni manufatto realizzato contiene le tracce di una piccola “storia” artistica e contemporaneamente una grande emozione vissuta. A differenza del semplice processo artistico, che spesso avviene in completa solitudine, il percorso diventa un momento “terapeutico” per i soggetti coinvolti.

si ringraziano:
Cooperativa New Naif _ Giusy Modica, Mirko Guasti, Cristina Torracchi

Emmaus

Facebooktwittergoogle_pluspinterestby feather

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *